antichi.duro

Pasta Girolomoni – oltre il biologico

Descrizione

Pasta di Grani Antichi

È prodotta utilizzando varietà di cereali recuperati dal passato, tra cui “Cappelli” e “Graziella Ra”!
Cappelli, varietà di frumento duro coltivato sulle colline marchigiane, in confezioni da 500 g.:
Graziella Ra® (alla luce del Sole), Triticum Turgidum Turanicum proveniente da uno scavo archeologico in Egitto ed ora coltivato esclusivamente a Isola del Piano, in confezioni da 500 g.:

Pasta di Grano Duro

Tutta la pasta Girolomoni® viene prodotta a totale conduzione biologica.

Composizione paniere della settimana

Per conoscere la composizione del paniere di ortofrutta "scopri" il box completo!
Per info telefona allo 0828/332925 - 389/8779311 oppure scrivi all'indirizzo info@saporemaggiore.it


Note

... la storia
Graziella Ra, alla luce del sole!
Tra i "Grani antichi" ha catturato la nostra attenzione la storia del chicco di grano che Gino Girolomoni ha chiamato "Graziella Ra". Non esiste, infatti, nome più evocativo di questa particolare varietà di grano, rinvenuto in uno scavo dell'antico Egitto e portato in Italia alla fine degli anni settanta.
Ra, dunque, come il dio egizio del sole. Ma Graziella, chi era Graziella?
Dalle pagine di Mediterraneo Dossier, il quadrimestrale edito dalla Fondazione Girolomoni, abbiamo appreso, inoltre, che quel chicco di grano era accompagnato da un unico mandato. Era precisa volontà dell'archeologo, autore del ritrovamento, che quel seme portasse il nome della figlia adolescente, morta tragicamente durante l'occupazione nazista in Italia, nel corso del Secondo Conflitto Mondiale. Graziella era il suo nome!
A Le Piastre, sull'Appennino nei pressi di Pistoia, oggi è deposta una lapide in memoria di Graziella Fanti, giovane martire della Seconda Guerra Mondiale, barbaramente uccisa dalle truppe di occupazione il 21 settembre del 1944.
Che Graziella Fanti fosse la figlia dell'archeologo che rinvenì il chicco di grano, fatto poi germogliare da Gino Girolomoni, non è stato confermato, perché non si conosce il nome del padre della giovane sventurata e dell'identità dell'archeologo non si hanno notizie. Ma archiviare queste storie, così tragicamente eppure teneramente intrecciate, come delle semplici coincidenze, non sembra anche a voi estremamente riduttivo?